Sondaggi

PER LA QUALITA’ DELLA SCUOLA SERVE LA STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE PRECARIO PDF Stampa
Giovedì 12 Febbraio 2009 07:55
Normal 0 14

 

Si è svolto l’11 febbraio 2009 l’incontro al ministero dell’Istruzione tra il ministro Gelmini e i sindacati della scuola.  L’argomento principale: la costruzione degli organici, cioè dei posti di lavoro.

Lo Snals-Confsal ha chiesto al ministro di trovare risorse e risparmi per finanziare il più possibile il mantenimento di posti di lavoro. In particolare, che venga garantita alle istituzioni scolastiche autonome una dotazione organica sufficiente per dare risposte alle diverse esigenze degli studenti e delle famiglie (dal consentire il funzionamento della mensa necessaria per i rientri pomeridiani fino al supporto di situazioni di disagio o al sostegno per il raggiungimento di livelli di eccellenza). Questo consente di evitare la mobilità selvaggia e coatta del personale di ruolo e di facilitare la continuità di lavoro per il personale precario.

In particolare, per quanto riguarda i precari, lo Snals-Confsal ha chiesto che venga garantito in una prima fase il mantenimento in servizio per tutti coloro – docenti e ATA – che finiscono, quest’anno, la nomina annuale o giungono fino al termine dell’attività didattica. Questo per aiutare la stabilizzazione tramite le nomine in ruolo avvalendosi anche del turn-over, ovvero mettere in pensione chi ha raggiunto 40 anni di servizio, che potrebbe essere opportunamente incrementato.

Il Ministro ha aperto a possibili soluzioni nel corso di attuazione dei regolamenti sia in fase di definizione delle dotazioni organiche sia ricercando risorse da diverse fonti sia ricorrendo al turn-over.

Lo Snals-Confsal ha preso atto di queste possibili aperture, dichiarando la disponibilità a individuare soluzioni, ma ha anche ribadito che, se necessario, è pronto a passare dal confronto costruttivo all’adozione di tutte le azioni di protesta che si rendano necessarie”.

Lì 12/02/2009